Cancro del colon-retto nei pazienti anziani: laparoscopia o chirurgia tradizionale?

Il progressivo invecchiamento della popolazione ha portato a un aumento notevole nel numero di operazioni chirurgiche per la resezione del tumore del colon-retto. Secondo un gruppo di ricercatori coreani, i pazienti anziani affetti da questa forma di cancro beneficerebbero maggiormente della chirurgia laparoscopica rispetto a quella tradizionale in aperto.

Per testare questa ipotesi hanno condotto uno studio multicentrico prendendo in considerazione i dati di 280 pazienti di età ≥ a 80 anni sottoposti a intervento chirurgico per il tumore del colon-retto tra Gennaio 2001 e Dicembre 2010. Tra i 280 casi sono state selezionate 71 coppie di pazienti che erano stati trattati con laparoscopia o chirurgia tradizionale per valutare una serie di parametri quali: durata dell’operazione, tempo necessario per ripristinare una normale funzionalità intestinale, durata del ricovero ospedaliero, complicazioni postoperatorie, sopravvivenza globale, e tassi di ricorrenza.

La laparoscopia è risultata superiore alla chirurgia tradizionale con durata dell’operazione e di ricovero ridotte, minore tempo necessario per il ripristino della funzionalità intestinale e ridotta morbilità post-operatoria. Inoltre, la sopravvivenza globale dei pazienti e i tassi di recidiva erano paragonabili nei due gruppi di trattamento.

Sembra quindi che la laparoscopia sia una tecnica sicura e adeguata per pazienti anziani con cancro del colon-retto dato che dà migliori risultati nel breve periodo e permette di ottenere un livello di sopravvivenza e progressione libera da recidiva pari a quello osservato con la chirurgia tradizionale.

Fonte
Moon SY, Kim S, Lee SY, et al. Laparoscopic surgery for patients with colorectal cancer produces better short- term outcomes with similar survival outcomes in elderly patients compared to open surgery. Cancer Med. 2016 [Epub ahead of print]

Lascia un commento