Vaccini anti-cancro personalizzati rivoluzionano la medicina individuale

Lo sviluppo di vaccini si basa solitamente sull’identificazione di mutazioni comuni a più individui, contro le quali indirizzare la risposta immunitaria. Negli ultimi anni la scienza medica si è concentrata sullo sviluppo di vaccini personalizzati, che rispondo a mutazioni uniche e specifiche per singolo paziente.

Le mutazioni somatiche accumulate dalle cellule cancerose durante le loro divisioni sono bersagli ideali per i vaccini anti-cancro, perché possono essere riconosciute dalle cellule T autologhe, combinando a una forte immunogenicità la sicurezza della mancata espressione sulle cellule sane.

L’identificazione del set di mutazioni – o mutanoma – espresso dalle cellule tumorali di ogni paziente permette di superare l’approccio limitato del bersaglio comune, fornendo un ampio repertorio di target antigenici unici per individuo. La disponibilità di bersagli multipli consente di affrontare la variabilità interindividuale e l’eterogeneità clonale intratumorale, due problemi chiave che hanno portato al fallimento molte delle terapie mirate attualmente in uso.

Diversi studi clinici hanno dimostrato la fattibilità della vaccinazione diretta contro mutazioni individuali. Questo tipo di vaccinazione sembra attivare principalmente la risposta dei linfociti CD4 helper, noti per il loro ruolo di regolazione del sistema immunitario e per la capacità di riconoscere un’ampia percentuale delle mutazioni genetiche delle cellule tumorali.

Le terapie anti-cancro si stanno dunque spostando da una visione farmaco-centrica a una incentrata sul paziente. Questo fenomeno deve essere accompagnato da cambiamenti radicali nel processo di sviluppo dei farmaci, che includano la diagnostica, la produzione, la logistica e la gestione del paziente.

Nel caso dei vaccini individualizzati un problema cruciale è l’elevato costo delle terapie, imputabile alla spesa elevata per il sequenziamento del genoma e per la produzione di singoli lotti di prodotto per ogni paziente. La speranza è che in futuro l’approccio di vaccinazione individualizzato verrà reso più accessibile dalla riduzione dei costi di sequenziamento, nonché da una piena automazione, miniaturizzazione e ottimizzazione del processo di produzione.

Fonte: Türeci Ö, Vormehr M, Diken M, et al. Targeting the Heterogeneity of Cancer with Individualized Neoepitope Vaccines. Clin Cancer Res. 2016; 22(8):1885-96.

Lascia un commento